Witch’s basket: la lavanda

Il suo profumo lo riconoscerebbero anche i bambini, fa parte della nostra vita “mediterranea” perchè è stata da sempre usata per prevenire i parassiti nelle dispense e negli armadi. E’ un aroma che ci riconnette al nostro passato..

Il suo profumo però in passato ha avuto una storia licenziosa: da sempre legata all’amore, la lavanda, era la fragranza che rendeva riconoscibili le prostitute, era come un marchio, ma che probabilmente serviva anche per beneficiare delle sue proprietà purificanti: il suo nome deriva dal latino lavare e infatti  a Roma era usata nell’acqua dei bagni. Inoltre sempre a Roma le Vestali la usavano per corone sulla testa in occasione dei riti. Chissà se anche questo uso abbia contribuito a renderla connessa alla prostituzione.

Il suo uso legato all’amore la vede come protagonista per profumare il corredo delle spose e garantire loro una vita felice e rilassata ma anche per avere notti di passione e un matrimonio fertile, è infatti legata anche all’abbondanza, proprio per la sua diffusione e la sua ricchezza di aroma, di semi e di colori, e in questo mi ricorda molto il papavero, le cui capsule essiccate vengono tenute come amuleti attira-soldi.

Le sue proprietà calmanti la rendono adatta anche ai bagni dei bambini e in terra Toscana i rami della lavanda, al posto dell’ulivo, erano usati per togliere il malocchio ai bambini. Spesso è consigliato appenderne rametti o farne dei sacchettini per calmare gli animi dopo una lite, o per ripulire gli ambienti. Tenerne un cespuglio fuori casa propizia la serenità e tiene lontani gli indesiderati.

Ha proprietà antisettiche e antibatteriche e quindi, indovina un pò? Come tutte le altre piante del genere, è annoverata nella tradizione popolare per tenere lontane le influenze cattive e quindi demoni e streghe, perchè queste povere donne, sono paragonabili a pulci e zecche secondo la religione cattolica. Di conseguenza fa parte del corredo vegetale della notte di San Giovanni, durante la quale si combattevano fortemente tutte le forme di magia e gli antichi culti. Le spighe di lavanda diventano infatti come le scope di saggina: le streghe sono costrette a contare i semi così come sono costrette a contare i fili delle scope, e attaccarne dei rametti fuori alla porta era un modo per interrompere le malie delle streghe per il tempo della conta.

Con questa pianta, si crea un’acqua simile a quella solstiziale, utilizzata solo per la benedizione e purificazione, che in passato veniva venduta a Roma, come “spighetta” nella piazza della Basilica di San Giovanni ma può essere inserita con le piante tradizionali del solstizio per creare l’acqua di questa notte magica.

SUGGERIMENTI PER GLI INCANTI

La lavanda e la salvia sono state le prime erbe che ho usato quando ho iniziato a praticare magia, rifiutandomi già allora di usare i bastoncini di incenso. Erano le uniche piante che avevo in casa e decisi di creare il mio primo incenso di purificazione per ripulire le rune appena create 😀 La uso infatti moltissimo in acque di purificazioni, o miscelata con altre piante, per creare oli adatti ad ungere le candele e dentro le candele stesse.

Tengo dei sacchettini vicini quando mi dedico alla meditazione e ai sogni lucidi durante le notti di luna nera. La lavanda ha il potere di riconnetterci con il passato, e lavora sulla nostra mente stimolando delle aree del cervello in cui si annidano ricordi.

Per suggerimenti o richieste personalizzate di sacchettini e incanti puoi scrivermi: info@spiritodellanatura.it

ATTENZIONE

-Prima di raccogliere una pianta assicurati che sia quella giusta e non sia la sua controparte velenosa (come tutto in Natura anche le piante e le loro proprietà sono duali  ).

-Se decidi di assumerla per bocca devi essere sicuro che non crei allergie e che non ti arrechi danno se hai problemi di salute.

-Quando raccogli una pianta non strapparla ma tagliala con un coltello all’altezza delle diramazioni in modo da rafforzarla e darle la possibilità di ricrescere.


Spero che l’articolo ti sia piaciuto, segui il canale YouTube e il Blog di Spirito per i prossimi approfondimenti sulle erbe! 


Lisa

Ricercatrice spirituale, artigiana, figlia degli Spiriti...

Potrebbero interessarti anche...