Il decalogo Salva Terra

Con il contributo di moltissimi Spiriti di Natura nasce questo decalogo che contiene 10 sezioni, 10 campi d’azione in cui è possibile dare il nostro contributo quotidiano per proteggere e difendere la Terra da inquinamento e sofferenza.

 

Ognuno di noi ha la possibilità di cambiare le cose con le sue scelte quotidiane e questo progetto nasce proprio per dare dei validi spunti di riflessione (e applicazione) per proteggere e difendere.

Ringrazio infinitamente le persone della lista segue perchè con il loro contributo hanno dato vita al Decalogo condividendo il loro esempio e la loro esperienza.

Ecco i creatori: Francesca, Ornella, Paola, Lisa C., Raffaella, Daniela, Valentina, Elena, Roberto, Monica, Fabiola, Marina, Deborah, Martina, Maria Lucia, Lisa, Marco, Elena F., Jessica

Se anche tu vuoi dire la tua ed essere aggiunto come creatore del Decalogo puoi scrivere un commento sotto l’articolo o scrivere a info@spiritodellanatura.it

 

IL DECALOGO SALVA TERRA

1 – RICICLA

Ricicla la carta di bollette, volantini usandola per appunti e liste della spesa.

La carta da cucina sporca ma ancora utilizzabile ti può servire per pulire i piatti dai residui di cibo prima di essere lavati, sprecando così meno acqua.

Usa vestiti di seconda mano o aggiusta quelli che hai.

Ridistribuisci i beni che non usi più.

Fai la raccolta differenziata e smaltisci correttamente i rifiuti ingombranti nelle aree ecologiche.

Aggiusta gli oggetti invece di ricomprarli, soprattutto materiale elettrico e batterie: cellulari, computer, televisioni.

Con il materiale umido dei cibi puoi fare il concime compost.

 

2 – ACQUISTA RESPONSABILMENTE

Prima di acquistare qualcosa chiediti se ti serve veramente per evitare di ritrovarsi un oggetto inutilizzato da dover poi gettare. Così anche per la spesa, fai una lista e seguila per evitare di acquistare alimenti inutili.

Leggi tutto “Il decalogo Salva Terra”

Le nebbie di Avalon

 

Consiglio vivamente la lettura del libro, oltre che la visione del film, perchè è ricco di storia, di leggende e tra le righe ritroviamo tutte le tradizioni legate ai culti che oggi definiamo neo-pagani.
Un ottimo libro per entrare nel mondo delle vicende celtiche, quando druidi e cristiani provarono a convivere.

 

LO PUOI ACQUISTARE SUL GIARDINO DEI LIBRI

“Vi fu un’epoca in cui le porte tra i mondi fluttuavano con le nebbie e si aprivano al volere del viaggiatore. Di là dal regno del reale si schiudevano allora luoghi arcani, territori favolosi dove le più ammalianti creature parlavano lingue oggi sconosciute; dove nessuna cosa era identica a se stessa, ma poteva mutarsi a ogni istante in un’altra. Con l’andar del tempo, però, passare da una parte all’altra si fece sempre più difficile. Allora, come oggi, furono le donne a fare da mediatrici. Morgana, Igraine e Viviana conoscevano il modo per far schiudere le nebbie e penetrare nel magico regno di Avalon: come questo fosse, quali misteri racchiudesse, in che modo le Dame del Lago potessero influire sulle vite degli ardimentosi eroi della Tavola Rotonda è l’argomento di questo romanzo seducente, magico a propria volta.

Riusciremo anche noi, alla fine, a scoprire il varco che tuttora conduce da un regno all’altro? Sì, se dei tanti segreti che la voce di Morgana ci svela attraverso le pagine di questo libro, terremo a mente il primo, il più semplice e tuttavia più grande: che siamo noi, con il nostro pensiero, a creare giorno per giorno il mondo che ci circonda.”

Buona lettura Spiriti  
 
Lisa

 

Il calendario di Coligny

Il calendario di Coligny è una tavoletta in Bronzo trovata in Francia risalente al II secolo D.C.

Si tratta di un calendario celtico basato prevalentemente sulle lunazioni. I mesi infatti avevano durata di un ciclo lunare e iniziavano con il primo quarto di luna.

Il Calendario riporta la sequenza di 5 anni lunari, composti ciascuno di 12 mesi, e comprensivo di 2 mesi in aggiunta, probabilmente per adattarlo anche al ciclo del Sole.

Ogni mese era formato da una metà di luce di 15 giorni, quando cadeva la luna Piena, e una metà oscura che poteva essere di 14 o 15 giorni che cominciava con l’ultimo quarto di Luna e comprendeva la fase di luna Nuova. Queste due metà sono separate dalla parola gallica ATENOVX (visibile anche in foto) che introduce il periodo buio del mese.

La sequenza dei mesi era la seguente: Leggi tutto “Il calendario di Coligny”

La betulla – simbologia e tradizione

La Betulla, insieme al Sambuco, è la prima pianta a germogliare nelle foreste nordiche; i Celti la consideravano albero “aurorale” ed albero del solstizio d’inverno
E’ una pianta legata alla Luna per la sua corteccia argentea che la ricorda.

La radice indoeuropea Bhirg indica la Betulla e la stessa radice da origine al nome di Brigit, signora dell’ispirazione e degli artigiani. Dunque questa pianta porta con sè anche l’aspetto femminile, la Dea e la Luna, l’ispirazione, l’intuito e l’occulto. Leggi tutto “La betulla – simbologia e tradizione”