La caccia e il rito.

Cosa è rimasto degli antichi riti di caccia?

Ho deciso di scrivere questo articolo perché in questi giorni, dopo la riapertura della stagione venatoria, si ritorna a parlare del senso di questa pratica. In molti si domandano perché la gente continui ad andare nei boschi a sparare ad animali per divertimento.

Amo ricercare soprattutto tra le abitudini dei nostri antichi antenati per capire meglio la Natura e anche il rapporto tra uomo e sacro. E così ho raccolto alcune informazioni in giro per il web, altre da libri, per trattare il tema della caccia dalla sua nascita, fino ad oggi e capirne il senso.

La premessa doverosa è che non sono una giornalista e non sono tenuta ad essere obiettiva per cui lo scrivo subito: io sono contraria alla caccia senza se e senza ma. Le mie opinioni però le scriverò in fondo all’articolo. Ora cominciamo a viaggiare nel tempo!


ALIMENTAZIONE PRIMITIVA UMANA

Sappiamo che i nostri antenati erano onnivori. Una scoperta recente in Israele ha permesso agli archeologi di reperire resti di cibo fossile di origine animale e vegetale.

Una conferma se pur non apertamente condivisa da tutti gli studiosi è che la natura onnivora dell’uomo troverebbe riscontro nelle similitudini di denti e stomaco del maiale, appunto onnivoro anch’esso. Ma c’è di più: anche nell’orso possiamo osservare molte abitudini simili alle nostre. L’alimentazione umana delle origini infatti prevedeva il cibarsi di ciò che veniva trovato, ovvero: frutta, insetti, larve, vegetali e carcasse, nonché la carne dei suoi stessi simili, proprio come il nostro amico orso, venerato nel Paleolitico, e a cui sono state dedicate grotte e riti proprio come se fosse una divinità. Chissà se l’uomo non abbia imparato proprio da questo gigante a nutrirsi! Leggi tutto “La caccia e il rito.”

L’Orso – simbologia e tradizione

L’orso è uno degli animali ciclici, che osservano periodi di riposo e di attività durante l’anno. E’ considerato in molte tradizioni il regolatore nonché protettore dei cicli vegetali. Come le piante infatti si rifugia sotto la terra con il freddo e torna a mettere fuori il naso in primavera, esattamente come i germogli di moltissimi arbusti. L’orso segue le energie della terra che con i primi freddi si ritirano sotto la superficie e per tanto nella simbologia viene considerato un animale simbolo della Dea.

Dea Artio

Nell’immagine si vede infatti la Dea Artio che condivide delle mele, simbolo dell’ultimo raccolto prima del letargo con un orso.
Artio è la radice da cui ne deriverà Artemide ed è anche la parola che in gallese e in antico irlandese veniva usata per indicare l’orso (arth o artos).

Leggi tutto “L’Orso – simbologia e tradizione”

Il cervo, simbologia e tradizioni

Maestoso e pieno di dignità il cervo è uno degli animali tanto pacifico quanto selvaggio.
Il cervo osserva, attende e poi in un balzo scatta via con tutta  la sua grazia.
Ha il suo modo regale e sicuro di camminare e di tenere alta la testa nonostante il peso che porta ed è infatti legato all’equilibrio e alla dignità. Non a caso, Cernunnos,  signore delle foreste è rappresentato con le corna di cervo, simbolo di regalità e di appartenenza alla natura. Leggi tutto “Il cervo, simbologia e tradizioni”