La festa di Yule

La festività di Yule corrisponde al solstizio d’inverno, le giornate si allungano impercettibilmente ma dobbiamo ancora affrontare mesi freddi che per alcuni possono essere anche molto cupi.

Anticamente veniva celebrata per propiziare la luce e il calore del Sole, in modo che tornasse a scaldare la Terra e riportasse cibo e vita nei tempi antichi dei nostri antenati.

Ci sono molte tradizioni in questo periodo, esploriamone alcune tra quelle più radicate in noi, riprese poi infatti anche dalla religione Cristiana proprio per la loro importanza a livello spirituale e culturale.

IL CEPPO

La tradizione del ceppo da bruciare al solstizio deriva dalla simbologia della morte/rinascita a cui è legato ogni passaggio naturale. 

Questo periodo è legato al Vecchio Re Agrifoglio che muore e lascia spazio al giovane Re Quercia, che con la sua potenza e il suo vigore riporterà la Luce sulla Terra.
Il ceppo, tradizionalmente di quercia, viene infatti bagnato con il vino rosso che simboleggia il sacrificio del Vecchio Re e le fiamme che nascono dal fuoco del ceppo sono il simbolo della Luce che torna a splendere. Quella del solstizio è infatti la notte più lunga dell’anno, a cui però seguirà un lento aumento del tempo di luce nei mesi a venire.

 

GHIRLANDE SOLSTIZIALI

Sono delle vere e proprie ruote solari che vengono usate per propiziare l’energia del Sole e vengono solitamente confezionate con abete e agrifoglio.
La prima pianta è un sempre verde, vigoroso e forte nel periodo invernale, usato poi infatti come simbologia di questo periodo, decorato nel Nord Europa con frutta e candele, in segno di luce e abbondanza, oggi palline e lucine.(Più in fondo altre notizie su questa pianta e la sua tradizione)
Anche l’agrifoglio è la pianta tipica di questo periodo e le sue bacche simboleggiano il Sole e la vita che rinasce.

Le ghirlande fatte con i loro rami rappresentano la Ruota dell’Anno, il Cerchio, il Tutto, la Natura che prosegue il suo cammino.

Era usanza e lo è ancora, utilizzare questi simboli circolari per propiziare la fortuna e l’abbondanza ma anche la protezione, appendendole alle porte e poi bruciandole dopo la festa della befana, come purificazione rituale da tutte le energie negative accumulate in questi giorni di passaggio

 

BABBO NATALE E LA BEFANA

La figura di Babbo Natale è davvero ormai molto popolare, ma sappiamo davvero chi è Babbo Natale?Beh, la sua simbologia deriva da quella di uno sciamano, che vola tra i mondi e porta regali e messaggi a coloro che ne fanno richiesta!
I suoi animali totem sono le renne, che, guarda il caso, vanno matte per l’amanita muscaria, il fungo allucinogeno per eccellenza che permette di “viaggiare” attraverso stati di coscienza alterata. La stessa pratica era utilizzata a scopo rituale dagli sciamani per entrare in contatto con i Mondi. Il volo delle renne del cielo è proprio il volo sciamanico.
Connettersi con Babbo Natale è un modo per connettersi con i propri desideri e bisogni per poterli richiedere all’universo, esattamente come fanno i bambini!

Babbo Natale però è anche associato al GreenMan, il re della foresta che rinasce a nuova vita, vigoroso e forte, in grado di elargire doni.

Per non lasciare indietro nessuno, due parole sono dovute anche alla Befana che è la vecchia strega buona, e porta i doni e dispensa vita, come la Dea che in questo tempo ha generato di nuovo la Luce in risposta alle richieste dei popoli.

 

L’ALBERO DI YULE

L’albero: principalmente l’abete, è uno dei simboli che più ci ricordano questo periodo. E’ un sempreverde che sottolinea la continuitá della vita e l’eterna crescita. 
I popoli nordici lo decoravano con frutta in segno di abbondanza per i tempi a venire, e candele per onorare il ritorno della luce,usanza ancora in uso attraverso le più moderne luci, che fa parte di quelle pratiche definite “magia simpatica”.Queste si fondano sull’antica concezione animistica per cui agendo su un simbolo si agisce anche sulla sua manifestazione materiale,operando un reale cambiamento.
L’albero è inoltre un simbolo di unione fra cielo(rami) e terra(radici) e gli sciamani lo utilizzavano come veicolo per viaggiare tra i mondi.
Ogni cultura ha un albero considerato sacro che dimostra la grande importanza di questi fratelli sia a livello fisico che spirituale.

 

 

Ti auguro una felice celebrazione del solstizio e di Yule!

 

Lisa

Autore: Lisa

Operatrice olistica, energy helper, ricercatrice spirituale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *